Intelligenza Artificiale. Un progetto DIAG ottiene il finanziamento dell’ERC

L’ERC (European Research Council) seleziona e finanzia i migliori progetti di ricerca di frontiera basati in Europa. Quest’anno l’ambito riconoscimento è stato vinto dal prof. Giuseppe De Giacomo con il progetto “WhiteMech”.

Gli scienziati più creativi e audaci vengono ogni anno selezionati dall’ERC per supportare le ricerche di eccellenza che possano offrire risposte concrete su temi di stringente attualità, come, ad esempio l’Intelligenza Artificiale. In questo settore l’organismo europeo ha giudicato meritevole il progetto “WhiteMech” del professor Giuseppe De Giacomo del Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale “Antonio Ruberti”, che disporrà di un finanziamento di 2.5 milioni di euro in 5 anni.

Il progetto WhiteMech (White-Box Self-Programming Mechanisms) riguarderà lo studio di base e la realizzazione di sistemi dotati di intelligenza artificiale che sono in grado di ri-programmarsi autonomamente per raggiungere nuovi obiettivi, per reagire a cambiamenti inaspettati, e per adeguarsi all’evolvere di regole e convenzioni umane nel contesto in cui operano. In particolare, l’obiettivo è realizzare sistemi che siano "white-box by design”, cioè che permettano, in ogni momento, di essere interrogati, analizzati e gestiti in termini comprensibili a noi umani, per arginare il rischio implicito in un sistema che si auto-programma.

Accanto alla linea principale di lavoro volta alla ricerca fondazionale, saranno attivate linee parallele volte all’applicazione di questi sistemi in contesti strategici per l’industria e la società civile quali smart manufacturing (Industria 4.0), smart spaces (Internet of Things) e robotic process automation (Business Process Management).

Per giungere a questo traguardo, lo studio di base coinvolgerà trasversalmente discipline di Intelligenza Artificiale, quali la rappresentazione della conoscenza, il ragionamento e la pianificazione automatica, il reinforcement learning; di Formal Methods, quali la verifica e la sintesi automatica di programmi; di Data Management, quali l’analisi e la sintesi di processi data-aware.

“L'ERC Advanced sovvenziona ricercatori eccezionali in tutta Europa - ha commentato Carlos Moedas, commissario europeo per la ricerca, la scienza e l'innovazione - Il loro lavoro pionieristico ha il potenziale per fare la differenza nella vita quotidiana delle persone e fornire soluzioni ad alcune delle nostre sfide più urgenti. L’ERC dà a queste menti brillanti la possibilità di seguire le loro idee più creative e di svolgere un ruolo decisivo nel progresso di tutti i domini della conoscenza”.

“Sono particolarmente felice del riconoscimento che l’ERC ha attribuito al professor De Giacomo e al DIAG – aggiunge la direttrice DIAG, professoressa Tiziana Catarci – perché testimonia, ancora un volta l’eccellenza della ricerca Sapienza, e il team straordinario di docenti e ricercatori di cui dispone oggi il Dipartimento.

 

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma